Trucchi Pokemon Smeraldo Rom & GBA

(Last Updated On: October 3, 2016)

Pokemon Smeraldo: l’evoluzione dei giochi Pokemon pre-mainstream

pokemon smeraldo romOrmai la saga dei Pokemon è diventata un filone mainstream che chiunque può seguire: è cambiato moltissimo da quel giorno del lontano 1996 quando nessuno conosceva ancora la saga e si giocava solamente la versione rossa o quella blu. Adesso, invece, moltissimi casual gamer escono in giro per le loro città alla ricerca di palestre o di Pokemon rari che non sono ancora riusciti a catturare grazie all’applicazione Pokemon GO. Come molti altri trend, è stato inglobato dalla massa e digerito in qualcosa meno “complicata” da capire. Ma quando questo gioco ha raggiunto l’apice, in termini di qualità e godibilità? Secondo me è successo alla creazione di Pokemon Smeraldo: uscito in seguito a Rubino e Zaffiro (come successe con Pokemon giallo e Pokemon Cristallo), la versione Smeraldo è una variante di questi giochi, farcita di sidequest emozionanti e un gameplay solido che la resa famosa come il canto del cigno della versione GBA.

Quando il GBA non è solo una console

Importante notare come questo gioco sia presente in una delle più importanti console della Nintendo: Il GBA è stata il cuore di moltissime serie ancora oggi esistenti che hanno alimentato l’immaginario collettivo di tutti i nintendari. Il Gameboy Advance ha avuto una quantità di giochi incredibile: è diventata una console di tale importanza, che moltissimi hanno richiesto l’emulazione di questa console su computer e hanno fatto, durante anni, incetta di tutti i giochi possibili ed immaginabili proposti per questa console. Solo il DS, in seguito, ha permesso quasi allo stesso livello una riproduzione massiccia e l’uso di ROM, permettendo, a queste due console, di diventare ancora più famose in tutto il mondo. Chi può dire di non aver mai giocato al Gameboy o al DS almeno una volta?smeraldo guida

Dove trovare la ROM di Pokemon Smeraldo

Come detto in precedenza il GBA è stata una delle console più emulate di sempre: uscita ben 15 anni or sono ha segnato l’evoluzione del Gaming su console portatile: mentre il primo Gameboy è stata l’icona dell’adolescenza e dell’infanzia di un numero infinito di Geek e Nerd,il Gameboy Advance è stato, invece, l’inno di battaglia di una nuova generazione: con i suoi 32 bit, la sua grafica futuristica (per il tempo) e i suoi colori sfavillanti è diventata subito la più amata delle console. Adesso è possibile trovare online moltissime ROM dei giochi più famosi di questa console, come The Legend of Zelda: A link to the Past, F-Zero: MV, Final Fantasy IV e FF Tactics, Pokemon e moltissimi altri.  Queste ROM sono tutte facilmente reperibili ed esistono, ad oggi, moltissimi emulatori che funzionano anche su altre console, come la PSP, che sono praticamente bug-free.

La storia di Pokemon Smeraldo

La storia di Smeraldo è molto simile a quella dei suoi due predecessori: si comincia come un giovane allenatore di Pokemon che si trova a dover viaggiare per il continente di Hoenn alla ricerca di Pokemon da catturare. Nel tentativo di diventare il più forte allenatore di tutti i tempi, ci si trova nel bel mezzo di una battaglia fra titani: due gruppi, Team Aqua e Team Magma, tentano di risvegliare due Pokemon leggendari, Kyogre e Groudon, famosi per causare cataclismi inimmaginabili. Nel mezzo si trova un altro Pokemon, Rayquaza, che oltre mettere la sua faccia in copertina rischia di distruggere il mondo intero. Tutto questo avviene nel più classico stile Pokemon, dove è possibile sfidare i vari allenatori e passare per le varie palestre per ottenere le medaglie e poter proseguire nel gioco. Famoso per gli scontri 2 contro 2, i suoi 250+ Pokemon da catturare e le nuove tipologie introdotte dalla versioni GBA, il gioco ha conquistato facilmente il cuore dei fan.

Pokemon Smeraldo non ha una grafica che faccia impallidire, visto che altri giochi della stessa generazione sono riusciti a spremere molto di più la console della Nintendo (basta guardare i vari Mario & Luigi per rendersene conto), ma la grafica è curata fin nei minimi dettagli: dagli specchi d’acqua, fino alla pioggia, gli angoli, la vegetazione e gli stessi Pokemon, si denota un’attenzione al dettaglio assente nei giochi Pokemon precedenti, senza però sfociare nell’esagerazione delle versioni seguenti. Le musiche sono le classiche proposte dalla saga di Pokemon, che non infastidiscono il giocatore, ma lo trasportano rapidamente all’interno del gioco. In definitiva il gioco riprende il Gamplay collaudato della versione precedente, aggiungendo però alcune migliorie che hanno reso questa versione perfetta. L’unica nota è la mancanza di uno strumento per il collegamento Wireless, risolto, in seguito, con la versione ROM per PC.

Le guide di Pokemon Smeraldo: un accompagnamento passo a passo nel mondo dei Pokemon

Al giorno d’oggi, e nonostante siano passati moltissimi anni, molti appassionati di Pokemon riprendono in mano Pokemon Smeraldo: il gioco contiene una longevità pazzesca, così come una ricerca nel dettaglio che solo gli appassionati riescono ad apprezzare. Proprio per questa ragione esistono moltissime guide e soluzioni per questo gioco. Dalla Guida alla cattura e all’evoluzione dei Pokemon, che ti permette di localizzare gli stessi nelle varie zone e durante i vari eventi proposti, alla soluzione completa per finire il gioco al 100%, sarà possibile sviscerare ogni angolo di Hoenn. Tutti i giocatori sanno quanto è difficile ottenere Milotic, oppure catturare i 3 regi, e molti sono passati proprio per queste soluzioni. Proprio per questa ragione esistono delle guide che permetteranno un’analisi passo a passo del gioco, con consigli pratici ed unici per ottenere il massimo da questo gioco.

I trucchi: una scorciatoia verso la conquista assoluta di Hoenn

Pokemon ha sempre fatto rima con trucchi: sin dai primi giochi su Gameboy fino alle più recenti versioni per 3DS, esiste la possibilità di utilizzare dei trucchi come scorciatoie verso il completamento del Pokedex. Esiste un apparecchio chiamato Xploder che, inserito nella console, permetteva l’utilizzo di codici/trucchi speciali per i vari giochi GBA. Quasi tutti, a dire il vero, lo utilizzavano per Pokemon: dal più semplice trucco per ottenere Masterball all’isola remota, sarebbe stato possibile ottenere tutti i Pokemon tramite i vari codici proposti.

Questo apparecchio trasformava ogni ignaro giocatore in un Dio della Pokemania! I trucchi sono sempre stati una parte integrante della cultura Pokemon: davano la possibilità, a tutti, di accedere ad alcuni eventi speciali possibili solo in Giappone, oppure poter avere dei Pokemon ottenibili solo attraverso lo scambio (anche senza avere amici con cui scambiarsi i Pocket Monsters).

Speak Your Mind

*